Tre italiani in fuga sul Monte Kenya

Nel 1943, tre prigionieri di guerra italiani evasero dal campo di prigionia britannico di Nanyuki, in Kenya. Si trattava del triestino Felice Benuzzi, del genovese Giovanni Balletto e di Vincenzo Barsotti da Camaiore.

Loro unico scopo era scalare il Monte Kenya (5199 m, la seconda vetta più alta dell’Africa), essendo la fuga impossibile, dato che il più vicino paese neutrale, il Mozambico, distava più di mille chilometri,  Questi tre POW (Prisoners of War) si erano preparati a questa avventura per mesi, procurandosi con mille espedienti i materiali per costruire ramponi, piccozze e corde. Ovviamente non disponevano di carte topografiche; anzi, l’unica immagine della montagna di cui potevano avvalersi come riferimento era quella dell’etichetta di un barattolo di carne.

Dopo aver raggiunto quasi alla cieca la base della montagna attraversando la foresta equatoriale, i tre iniziarono la scalata. Benuzzi e Balletto erano due provetti alpinisti e riuscirono a salire fino alla vetta di Punta Lenana (4985 metri); Barsotti, invece, era alla prima esperienza e rimase ad attenderli al campo base. Giunti in vetta, piantarono la bandiera tricolore e lasciarono un messaggio con i loro nomi in una bottiglia. Infine, i due alpinisti si riunirono al compagno e, insieme, rientrarono al campo di prigionia dove si consegnarono alle autorità.

La stampa inglese pubblicò un articolo – Escaped Italian Prisoners Fled to Mount Kenya! And Hosted a Flag on Pt. Lenana – che suscitò profondo sdegno in Gran Bretagna e smisurato orgoglio in Italia, visto che tre italiani erano riusciti a farsi beffe degli inglesi.

Felice Benuzzi

Subito dopo la guerra, Benuzzi decise di raccontare quell’avventura e nel 1947 uscì, per i tipo dell’editore Eroica di Milano, la prima edizione di Fuga sul Kenya. Nel 1950 uscì l’edizione francese e, infine, nel 1952, quella inglese, intitolata No Picnic on Mount Kenya, di grande successo.

Venendo ai giorni nostri, nel 2010 esce un nuovo libro, Point Lenana, di Wu Ming 1 e Roberto Santachiara. Gli autori ripetono la scalata e, rivivendo questa avventura, hanno modo di meditare profondamente sul senso della stessa, tracciando un crudo resoconto del periodo dell’espansione coloniale italiana in Africa. Ma questa è un’altra storia che esula dalle finalità di questo articolo.

Ci limitiamo a raccontare un piccolo errore, contenuto negli inserti illustrati della seconda edizione di Fuga sul Kenya (1966, editore Tamari, Bologna). Un disegno, sulla copertina della rivista L’Illustrazione del Popolo, numero del 14 marzo 1943, ritraeva tre alpini, con tanto di cappello, ma dalla divisa lacera e con la barba di alcuni giorni, che issavano la bandiera italiana sulla vetta. In realtà, i nostri tre avventurieri non erano militari, ma prigionieri civili.

Anche se non si tratta di una storia di Alpini, è comunque una bella storia di montagna e di guerra e –  visto che c’era anche un genovese fra i protagonisti – ci è piaciuto raccontarla.

Brevi cenni biografici su Felice Benuzzi (Vienna, 16 novembre 1910 – Roma, 4 luglio 1988). È stato un diplomatico, scrittore e alpinista italiano. Funzionario coloniale, nel 1941 viene internato dagli inglesi. Dopo la guerra entrò nel corpo diplomatico fino a diventare ambasciatore in Uruguay. Dopo il collocamento a riposo, venne incaricato dal ministero degli Affari Esteri di condurre i negoziati relativi all’Antartide, Si adopera fino alla firma del trattato del 1981, affinché l’Italia possa essere inclusa nell’ambito della ricerca nel continente di ghiaccio. È stato tra i fondatori di Mountain Wilderness.

Questa voce è stata pubblicata in Recensioni e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...